La nostra scuola nasce nel 1960 come Istituto d'Arte. La fondazione fu promossa dai Sacerdoti Peppino e Luigi Ferrara e da un comitato cittadino con lo scopo di valorizzare e tramandare le vocazioni artistiche e di artigianato d'arte tipiche del territorio.
Inizialmente le sezioni di specializzazione Arte della Ceramica e Arte del Legno si avvalgono delle antiche abilità artigianali dei ceramisti del Nord Barese e della tradizione dei mastri intagliatori di Corato. Una significativa collaborazione viene subito dai maestri ceramisti di Grottaglie. Si riversano, quindi, su Corato le attenzioni di allievi provenienti dal circondario, che intravedono presto le reali potenzialità dell' istruzione artistica.
Ciro Scatigna e Ciro Spagnolo, affermati maestri nella lavorazione della ceramica, Emanuele Capogna (intagliatore) e Luigi De Savino (ebanista) pongono solide fondamenta al futuro del giovane Istituto d'Arte di Corato.
Nel 1968, su richiesta del Preside Domenico Simeone, la scuola si arricchisce della sezione di Arte dei Metalli e dell'Oreficeria, dando sbocco didattico ad una preesistente cultura della lavorazione dei metalli, sulla quale si innestano competenze specifiche in oreficeria.
Lo slancio iniziale e la validità della proposta formativa trova riscontro nell'economia locale e territoriale ed offre concrete possibilità occupazionali a molti giovani diplomati.
L'Istituto diviene presto parte integrante della realtà economica e culturale del Nord Barese con decine di laboratori orafi, di lavorazione artistica del legno, e di arte della ceramica, oltre a numerosi studi professionali e aziende grafiche.
Il costante sforzo di adeguare il percorso di studi alle reali esigenze del mercato del lavoro ha avuto una ulteriore svolta decisiva nel 1995 con l'istituzione, promossa dal Preside Pasquale Covella, del corso sperimentale di Disegno Industriale (Progetto Michelangelo), per le tre sezioni di specializzazione.

Nel 2010, con la riforma Gelmini, il "Federico II" si trasforma in Istituto d'Istruzione Secondaria Superiore al cui interno convivono il Liceo artistico con gli indirizzi di Architettura, Arti figurative, Audiovisivo e multimediale, Design (Ceramica, Legno, Oreficeria), Scenografia e l'Istituto professionale con gli indirizzi di Ceramica, Legno e Oreficeria.
Oggi l'Istituto, mentre consolida la tradizionale presenza sul territorio, sta implementando e migliorando l'offerta didattica con proposte di curriculi innovativi dalle forti valenze creative e progettuali.
Attualmente il bacino di utenza si estende da Bitonto a Trinitapoli sia sulla litoranea sia nell'entroterra. La popolazione scolastica è di circa 700 allievi, dato questo che conferma la serietà e la qualità dell'Offerta Formativa dell'Istituto.